Germani: la stagione regolare può portare a nuovi primati - news - Radiobresciasette
NOW ON AIR Night Sensations Ascolta la diretta Streaming Video
SEGUICI SU:
Germani: la stagione regolare può portare a nuovi primati

16:26 martedì, 19 aprile 2022

Per cedere il secondo posto nella classifica di serie A alla Germani, l’Olimpia Milano (che proprio oggi inizia il primo duello di play off di Eurolega contro l’Anadolu Efes) dovrebbe smarrirsi in modo clamoroso, dato che - con quattro gare di regular season da giocare, tre più il recupero con Treviso - l’Armani conserva ancora quattro punti di vantaggio su Brescia, e ha lo scontro diretto a favore, sebbene solo in virtù della differenza canestri. D’altro canto, la squadra di Alessandro Magro, dopo la vittoria di sabato su Reggio Emilia al PalaLeonessa, non può più essere raggiunta. Ciò significa che la Pallacanestro Brescia sa che chiuderà questa stagione regolare 2021-2022 al terzo posto. Ed è già record eguagliato.

Il precedente

Nella storia della palla a spicchi all’ombra del Cidneo, nella massima serie, il miglior piazzamento era infatti stato il terzo posto ottenuto nel campionato 2017-2018. Quello iniziato con nove vittorie consecutive, caratterizzato dalla Coppa Italia sfiorata, con sconfitta in finale, e finito con l’eliminazione nella semifinale di play off per mano proprio dell’Olimpia Milano. Quella regular season terminò con la Germani terza a quota 40 punti (come Avellino, ma Moss e compagni erano davanti per scontri diretti) e dietro a Reyer Venezia e Armani. Un quadro non troppo diverso per quanto riguarda i piani altissimi, dato che i meneghini paiono destinati a chiudere anche quest’anno in seconda posizione: la Virtus Bologna capolista è infatti a +4, e pure la squadra di Sergio Scariolo deve recuperare una partita. La Germani, inoltre, è a soli due punti (una vittoria) dai 40 collezionati in quell’anno (quando si migliorò l’exploit del 1979-1980, sesto posto con 30 punti, ma il campionato era a 14 squadre), in cui Magro era assistente di Andrea Diana, e in rosa c’erano David Moss e Lee Moore, anche oggi protagonisti in maglia biancoblù.